postheadericon Spettacolo “Don Rodrigo?Non abita più qui”

FONDAZIONE PERSONA in collaborazione con

Associazione PRO VAPRIO

 presentano

 “Don Rodrigo? Non abita più qui”

ovvero “Caccetta, il ribaldo che ispirò Manzoni”

 Sons et lumières di e con Marco Bossi e Gianni Dal Bello

VAPRIO D’AGOGNA – Parco del castello

sabato 8 settembre 2012 , ore 21,15

Lo spettacolo, nella suggestiva cornice del maniero di Vaprio d’Agogna, intende rivisitare in maniera originale, utilizzando la formula “sons et lumières”, la vicenda di Giovanni Battista Caccia, più conosciuto come il “Caccetta”, nobile novarese passato alla storia per le  sue malefatte, vere o presunte, che gli “guadagnarono” la decapitazione a Porta Tosa in Milano nel 1609.

Una vera  impersonificazione del male, quella del Caccetta, tanto da  poter accostare il personaggio al “Don Rodrigo” dei “Promessi Sposi” . Molti ipotizzano infatti che il Manzoni si sia ispirato proprio al novarese Caccia per creare il “cattivo” del romanzo. Tra altri, i primi che si accorsero di questa sorprendente “somiglianza”, furono nel secolo scorso storici novaresi quali Alessandro Viglio e Luigi Maggiotti.

La location vapriese è tanto più significativa in quanto, pare, sia stato proprio il castello ad aver dato i natali al Caccia nel 1571.

Nel corso dello spettacolo, accanto alla ricostruzione teatrale, non mancherà  un  contributo storico sul “Caccetta” grazie a inedite osservazioni dello studioso Sergio Monferrini.

A far rivivere “il ribaldo che ispirò Manzoni”, sarà in scena, oltre agli autori del testo, Marco Bossi e Gianni Dal Bello, anche Don Pier Davide Guenzi. Completa l’allestime
nto la partecipazione di Luca Dal Bello, Riccardo Artuso, Claudia Artuso. Le musiche ad hoc che accompagneranno le scene, verranno eseguite dal vivo dal “Chronos Ensemble”, mentre gli effetti scenografici saranno a cura di Dario Artuso, Lorenzo Barioni e dello staff di Nonsolomusica; suono di Roberto Orfella.

alle ore 19 “Apericena” a cura della Pro Vaprio

 

Intervista di presentazione

 

----Condividi----
  • email
  • Facebook

Questo sito utilizza i cookie per una migliore esperienza di navigazione. Ne accetti l'uso continuando a navigare o cliccando prosegui . Maggiori informazioni

Informazioni relative ai cookies ai sensi degli artt. 122, coma 1 e 154, comma 1, lett. h) del DLgs. n. 196/2003 e del provvedimento dell’Autorità Garante in data 8 maggio 2014. Il sito del Museo Meina utilizza una tecnologia comunemente denominata "cookies" per gestire il sito web e assicurare le funzionalità che ci si aspetta durante la visita. I cookies sono piccoli file che inviamo al tuo computer e che vengono poi riletti e riconosciuti dai nostri server nei successivi collegamenti. I cookies, mostrandoci la modalità di navigazione dei nostri utenti sul sito, ci forniscono informazioni grazie alle quali possiamo rendere l'esperienza di navigazione più agevole ed efficiente. Usiamo diverse tipologie di cookies cosiddetti “tecnici”, che non permettono alcuna profilazione dell’utente: - Rilevare la sessione. Viene memorizzata una stringa alfanumerica per tenere traccia della navigazione corrente. Questa informazione è possibile che rimanga nel browser dell'utente ma se ne perde il riferimento alla chiusura del programma. Il sito non utilizza cookie verso aziende terze utilizzati per effettuare del direct marketing o pubblicità mirate. Se desideri eliminare i cookies residenti sul tuo computer, segui le indicazioni sul browser del tuo computer cliccando su "Aiuto". Ricorda che cancellando i cookie o disabilitandone l'utilizzo potrebbe compromettere o limitare alcune funzioni di navigazione e consultazione del sito. Altre informazioni: http://www.allaboutcookies.org

Chiudi